News

Produzione di farmaci: l´Italia è ancora al n.1

Produzione di farmaci: l´Italia è ancora al n.1

05 Dicembre 2019

L'Italia è senza dubbio un paese di record, uno di questi è quello della produzione di farmaci.

Al primo posto in Europa, con un giro d'affari di 31,2 miliardi di euro solo nel 2017, ha superato sia la vicina Germania, al secondo posto, che la Gran Bretagna, posizionatasi sul terzo gradino del podio.

Questo importante traguardo, non è solo un fattore positivo a livello produttivo, ma comporta anche un notevole beneficio in termini di occupazione. Nel nostro Paese, infatti, l'industria farmaceutica conta circa 65.400 posti di lavoro, raggiungendo quasi 3 miliardi di euro di investimenti.

La ricerca e lo sviluppo, in questo settore sono elementi fondamentali per dare vita a nuove soluzioni. Una delle Regioni più virtuose in tal senso è la Toscana che, grazie al contributo di Università, centri di ricerca medica, grandi multinazionali e tante piccole aziende locali, è di fatto una delle realtà più avanzate nel settore delle scienze della vita, in particolare nell'ambito dei vaccini.


Investire nell'innovazione

Se da un lato gli investimenti per le eccellenze già affermate nel campo medico sono una realtà, dall’altro, questo si parla di start up, l’Italia deve ancora migliorare.

Ancora oggi le nuove realtà nel settore del Life Science non riescono ad ottenere finanziamenti importanti, come invece accade negli altri stati europei. Un limite che frena le tensioni verso l’innovazione e si ripercuote sulla varietà di terapie da proporre ai pazienti.

La soluzione, però, sembra esserci: per cercare di dare linfa anche al segmento medico 2.0, stanno nascendo fondi d’investimento pronti a finanziare le attività più interessanti, sfruttando anche ai vantaggi fiscali riconosciuti a queste realtà smart oriented.

In questo modo, l'industria farmaceutica, già di spicco in Italia, potrà raggiungere ancora più alti livelli di avanguardia e innovazione, portando ampi benefici sia al nostro Paese che all’intera popolazione europea.

Emicrania nei bambini: ecco come intervenire

Emicrania nei bambini: ecco come intervenire

03 Dicembre 2019

Se pensate che il mal di testa sia prerogativa degli adulti vi sbagliate. Colleghi irritanti o troppa stanchezza, infatti, non sono le uniche cause che portano a questo disturbo.

Nei bambini, in particolare, i motivi scatenanti sono principalmente due: lo stress, dovuto ai ritmi frenetici di vita che gli si impone, e la carenza di ore di sonno.

La forma più diffusa di cefalea è quella di tipo primario, dovuta per lo più all'emicrania. Quella secondaria, invece, riguarda condizioni più gravi come conseguenza a traumi o a patologie più critiche.

Mal di testa: cause e rimedi

Circa il 40% dei bambini entro i sette anni soffre di cefalea primaria.

In alcuni casi i fattori che determinano questa patologia possono essere difficili da individuare poiché sono legati a disturbi psicologici come la depressione o una condizione di ansia. Più frequentemente, però, l'emicrania deriva dalla diminuzione delle ore di sonno dovuta allo stile di vita, all’aumento delle luci artificiali e all’utilizzo di strumenti elettronici in età sempre minore.

Il mal di testa in età pediatrica non deve mai essere trascurato ed è bene intervenire prima che il dolore sia troppo grande. Oltre ai rimedi farmacologici, antiemetici e antidolorifici, come l'ibuprofene e il paracetamolo, è importante seguire qualche buona abitudine. Dormire sempre nella stessa stanza e allo stesso orario e, dal quarto mese in poi, separare la fase dell'alimentazione da quella del sonno, possono aiutare a prevenire il formasi dell'emicrania.

In ogni caso, per intervenire correttamente e aiutare il vostro bambino a sconfiggere il dolore, potete rivolgervi al vostro farmacista di fiducia che saprà consigliarvi in modo efficace e mirato.

Gli alimenti probiotici strizzano l´occhio all´intestino

Gli alimenti probiotici strizzano l´occhio all´intestino

30 Novembre 2019

Molti di voi ne avranno sentito parlare, ma pochi sanno davvero cosa siano.

I probiotici sono sostanze prodotte da un organismo, in grado di stimolare la crescita di un altro elemento. Per essere considerati tali devono:

  • essere già presenti nel nostro intestino;
  • resistere alle funzioni digestive;
  • aderire alle cellule intestinali e colonizzarle;
  • avere un effetto benefico per la salute, grazie all'antagonismo nei confronti di microrganismi patogeni.


Probiotici, come funzionano e dove trovarli

I probiotici, quindi, sono capaci di agire positivamente sull’ecosistema intestinale dove arrivano ancora vitali nonostante le barriere costituite dai succhi gastrici, promuovendo il rinnovamento della flora microbica intestinale.

Queste sostanze si trovano nei cibi fermentati come thé kombucha, miso, kefir, tempeh e crauti, nello yogurt addizionato e in alcuni latticini.

Attenzione, lo yogurt classico non può essere considerato probiotico, perché il Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus, in esso contenuti, non sono in grado di sopravvivere in modo significativo all'acidità del nostro stomaco.

I probiotici si possono assumere anche tramite prodotti fortificati detti "alimenti funzionali", come formaggi freschi e derivati dei cereali, tipo la pasta. Questi cibi svolgono importanti funzioni benefiche sul nostro organismo tra cui la stimolazione delle difese immunitarie.

Questo però non basta. Per il benessere del nostro corpo e il mantenimento della flora intestinale è necessario anche seguire uno stile di vita corretto, fare attività fisica, curare l'alimentazione, eliminare sigarette e alcol e, importantissimo, diminuire lo stress.

In caso di necessità, poi, è possibile reperire in farmacia degli integratori di probiotici specifici oltre agli ottimi consigli del personale specializzato.

Cambio di stagione: ecco come affrontarlo al meglio

Cambio di stagione: ecco come affrontarlo al meglio

28 Novembre 2019

L’arrivo della primavera e l’entrata in vigore dell’ora legale vi hanno messo KO? Non siete i soli. Recenti studi, infatti, hanno dimostrato che il cambio di stagione colpisce un numero elevato di persone, a tutte le età. La cosiddetta SAD – la Seasonal Affective Disorder – può presentarsi con i sintomi più disparati: dal senso diffuso di stanchezza e pigrizia, all’insonnia frequente, fino alla maggiore irritabilità.

Il cambio di stagione non fa sconti a nessuno. Le ragioni sono da ricercare negli sbalzi ormonali, causati dalle differenze di temperatura e di luce, che si ripercuotono sulle funzionalità complessive dell’organismo.

Non c’è però da preoccuparsi: il malessere stagionale non è grave. Basta abituare il corpo alla nuova stagione per tornare in forze.

Per velocizzare questo processo di adattamento ed apprezzare la primavera in tutta la sua solarità, è bene seguire alcuni semplici accorgimenti.

Innanzitutto, per ritrovare vitalità e sorriso, è fondamentale uno stile di vita sano: ad esempio, praticando una costante attività fisica ridurrete l’esposizione ai sintomi del cambio di stagione. Meglio se fatta all’aria aperta, durante le giornate più soleggiate. Il calore solare e il movimento aiuteranno il corpo a riattivarsi dal torpore invernale, ritrovando le energie perdute. Non solo: l’attività fisica è un vero toccasana anche per il sonno, generalmente disturbato dal cambio di stagione.

Fate attenzione anche all’alimentazione: una dieta ad alto valore energetico, fatta di frutta e verdura di stagione, di proteine e di minerali è l’ideale per aiutare il metabolismo a funzionare correttamente.

Non dimenticate, infine, l’importanza degli integratori vitaminici, alleati irrinunciabili per il benessere fisico durante il cambio di stagione. Quali scegliere? Chiedete consiglio al farmacista, saprà indicarvi gli integratori più adatti alle vostre necessità.

Il giradito, cos’è e come si cura

Il giradito, cos’è e come si cura

26 Novembre 2019

Da tutti conosciuta come giradito, l’infiammazione delle falangi delle dita delle mani e dei piedi è tra le alterazioni più diffuse a carico delle estremità del corpo, sia negli adulti che nei bambini.

Il giradito – scientificamente noto come patereccio – si presenta con la sintomatologia classica data dal rossore e dal gonfiore alle dita. Le falangi, in questi casi, sono tradizionalmente calde alla palpazione, con una ridotta funzionalità di movimento.

Oltre ai sintomi generali, si possono presentare caratteristiche patologiche più specifiche che dipendono dall’agente che ha provocato la malattia. Nella forma batterica, ad esempio, è consuetudine osservare la formazione di pustole con secrezioni gialle che possono anche male odorare. In quella erpetica, invece, sono comuni bolle molto piccole che si riempiono di liquido trasparente.

Come visto, le cause che possono provocare il giradito sono di diversa natura: in particolare, le ferite non correttamente disinfettate rappresentano la porta di ingresso principale per l’infezione della cute da parte di batteri, virus e funghi. Non solo: il giradito può essere anche contagioso. La maggior parte dei responsabili infettivi, infatti, può essere tramessa per contatto.

Veniamo alle cure: nella stragrande maggioranza dei casi, le terapie farmacologiche sono di natura topica. In farmacia sono disponibili creme e pomate che possono essere applicate direttamente sulla superficie della lesione. Solo nei casi più critici si può assistere ad una diffusione del patereccio a livello sistemico: qualora accadesse, è necessario intervenire direttamente sul sistema immunitario per via orale o per endovena.

Qualunque sia la natura del vostro giradito, il consiglio è disinfettare sempre la ferita e proteggerla da ogni tipo di contaminazione. In questo modo ridurrete l’esposizione a possibili infezioni.

Per qualsiasi dubbio, chiedete consiglio al vostro farmacista: saprà consigliarvi la migliore cura per porre rimedio al problema.
Omega 3: un unico prodotto, tanti benefici

Omega 3: un unico prodotto, tanti benefici

23 Novembre 2019

Il nostro corpo ha bisogno di tanti elementi per funzionare correttamente e tra questi gli Omega 3, che intervengono nella cura e nella prevenzione di moltissime patologie.

Questi acidi grassi polinsaturi sono definiti essenziali perché non sintetizzati dall'organismo. Per questo motivo è necessario assimilarli tramite il cibo, con una dieta equilibrata e ricca di alimenti che ne contengano come acciughe, merluzzo, salmone atlantico e tonno, ma anche sgombro, oli di pesce, noci, semi e olio di lino.

L'assunzione di Omega 3 è fondamentale. La loro carenza, infatti, può determinare la comparsa di molti disturbi tra cui l'arresto della crescita e la riduzione dei livelli di protezione e prevenzione di malattie cronico-degenerative, autoimmunitarie e infiammatorie.

L'importanza degli Omega 3

Questi elementi sono utili per la prevenzione e la cura di:

  • arteriosclerosi e malattie cardiovascolari, riducendo l'effetto trombogenico e rallentando lo sviluppo della placca aterosclerotica;
  • malattie infiammatorie come l'artrite reumatoide, il morbo di Chron e la colite ulcerosa;
  • dermatiti e psoriasi;
  • infiammazioni associate alle ustioni;
  • colesterolo dannoso, abbassandone i livelli e intervenendo positivamente sulla pressione;
  • patologie legate al cervello, aiutano lo sviluppo cognitivo anche in caso di morbo di Alzheimer;
  • problemi legati alla gravidanza e allo sviluppo neonatale,
  • malattie come la depressione e i disturbi comportamentali, autismo, schizofrenia e deficit dell’attenzione (ADHD);
  • disturbi legati al metabolismo osseo;
  • patologie quali asma allergica e diabete.

Attenzione! Anche nell'apporto di Omega 3 è importante evitarne l'abuso. Se associati a farmaci anticoagulanti, per esempio, potrebbero aumentarne l’effetto. Per questo ricordatevi sempre di rivolgervi al vostro farmacista di fiducia che, in caso di reintegro saprà indicarvi i prodotti e la posologia migliore.

I mille usi delle salviettine

I mille usi delle salviettine

21 Novembre 2019

Ce n’è una per tutte le occasioni, in ogni momento della giornata: avete mai pensato a come le salviettine usa e getta siano una soluzione pratica per portare bellezza e benessere sempre con noi?

Curiosi di sapere quanti vantaggi si nascondono in un piccolo fazzoletto umidificato?

Approfondiamo insieme i mille usi delle salviettine!

  1. Per rimuovere il trucco velocemente

Le salviettine detergenti per il viso sono un alleato prezioso per chi desidera efficacia e praticità.

In una sola passata e senza strofinare il trucco viene eliminato, le impurità della pelle sono rimosse e l’epidermide è liscia e luminosa.

  1. Per rinfrescare il corpo quando siamo fuori casa

Durante un lungo viaggio abbiamo voglia di freschezza? Prima di addentare il panino al bar sentiamo il bisogno di lavare le mani, ma il bagno è inagibile? Avere con sé una salviettina mille usi è sempre una garanzia di pulito, senza compromessi. In una sola passata la pelle è fresca, detersa e profumata!

  1. Per l’igiene intima

Antibatteriche, antimicotiche, lenitive e delicate: le salviettine per l’igiene intima sono un vero alleato per sentirsi in ordine, anche fuori casa o dopo l’attività sportiva.

  1. Per dare alla pelle un colorito abbronzato

Se volete sfoggiare una pelle ambrata e luminosa, anche in inverno, scegliete le salviettine autoabbronzanti monouso: piccoli tessuti imbevuti di sostanze cosmeceutiche che donano all’epidermide un colorito dorato e durevole.

  1. Per eliminare lo smalto

Avete poco tempo e dovete ritoccare il make-up di mani e piedi? Utilizzando le salviettine intrise di specifiche formulazioni, lo smalto per unghie – anche quello più scuro - viene via in una sola passata!

Efficaci e smart: grazie alle salviettine benessere e bellezza sono sempre pronte all’uso!

Non solo igiene: le saponette sono un vero trattamento di bellezza

Non solo igiene: le saponette sono un vero trattamento di bellezza

19 Novembre 2019

La saponetta non è utile solo all’igiene quotidiana.

A seconda degli ingredienti che la compongono, infatti, può essere impiegata per efficaci trattamenti estetici.

Alleate di bellezza, in commercio esistono tantissime tipologie di saponette di svariate forme e colori, che, se usate con costanza possono rivelarsi vantaggiose per la cura della cute e dei capelli e, perché no, possono essere utilizzate anche come ottimi tonificanti.

Ecco le più interessanti saponette naturali:

  • Saponetta al Mirto e Uva Rossa

Al piacevole profumo di mirto, questa saponetta naturale è un valido rigenerante ed antiossidante. Consigliato per le pelli sensibili, questo tipo di prodotto ha anche delle proprietà toniche e rassodanti.

  • Saponetta allo zolfo

Lo zolfo ha un effetto cicatrizzante – un vero toccasana per i punti neri – ed è particolarmente indicato per trattare con efficacia i brufoli e le impurità della pelle. La saponetta allo zolfo è perfetta, inoltre, per essere utilizzata anche sul cuoio capelluto: in particolare, chi ha i capelli grassi può sfruttare la sua azione riequilibrante ed esfoliante.

  • Saponetta al burro di karitè

Un vero e proprio cosmetico naturale, la saponetta al burro di karitè garantisce un’azione emolliente sulla pelle. In grado di rigenerare e nutrire qualsiasi tipo di cute, è particolarmente adatta per le pelli secche e sensibili.

  • Sapone di Aleppo

Costituito da olio di oliva e alloro, il sapone di Aleppo è in grado di prevenire l'invecchiamento e la secchezza della pelle, grazie alle sue proprietà antiossidanti. Risolutiva per ammorbidire la pelle, questa saponetta può essere utilizzato anche come base schiumosa per una maschera facciale fai da te.

Chiedi consiglio al tuo farmacista per selezionare la saponetta più adatta per la tua bellezza.
Trigliceridi alti? Ecco come comportarsi

Trigliceridi alti? Ecco come comportarsi

16 Novembre 2019

Nel corso della vita, magari dopo un esame del sangue, vi sarà capitato di sentir parlare di trigliceridi.

Con questo termine si indicano la maggior parte dei grassi presenti nel corpo che, di fatto, rappresentano i principali componenti del nostro tessuto adiposo.

La loro funzione è importantissima per l’organismo poiché svolgono l’azione di riserva energetica e di isolante termico contro le basse temperature.
Quando i trigliceridi aumentano troppo, però, possono insorgere conseguenze gravi, come il rischio di contrarre malattie cardiovascolari tra cui l’infarto e l’aterosclerosi.

Questo innalzamento può essere causato da vari fattori tra cui:

  • sovrappeso e obesità;
  • sedentarietà;
  • diabete mellito;
  • abuso di alcol;
  • dieta scorretta;
  • patologie renali;
  • terapie con pillola anticoncezionale, estrogeni, diuretici, agenti antifungini.

Vademecum di salute

Per questo, per limitare l’aumento dei trigliceridi nel corpo e l’insorgere delle patologie ad esso collegate, è fondamentale seguire qualche piccola dritta. Per esempio:

  • evitate l’abuso di zucchero, dolci, farina 0 e 00 e le patate che aumentano i livelli di glicemia nel sangue;
  • preferite carboidrati complessi come quelli contenuti nei cereali integrali ma anche legumi, avena, orzo e verdure;
  • utilizzate olio extra vergine di oliva per condire;
  • mangiate frutta e verdura di stagione, ideali per tenere i trigliceridi al giusto livello;
  • prediligete il pesce, due o tre volte la settimana, in particolare il quello azzurro come sardine, sgombri e alici;
  • limitate i grassi saturi presenti nella carne rossa, latte, burro, formaggi, salumi e carne in scatola;
  • evitate di bere alcolici e di fumare;
  • praticate una corretta e costante attività fisica;

In caso di necessità su come mantenere i trigliceridi a livelli ideali, potete chiedere consiglio al vostro medico e farmacista di fiducia che sapranno darvi ottimi consigli per la vostra salute.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.