Laminazione Ciglia

COS'E'

La laminazione, ancora poco conosciuta qui in Italia, viene dall’America ed è una tecnica, un trattamento che regala alle nostre ciglia naturali un aspetto straordinario.

Non avrete più bisogno di utilizzare il mascara e il piegaciglia: da oggi vi basta questo per avere uno sguardo “effetto WOW”!

Le ciglia vengono nutrite con dei prodotti naturali come la cheratina e il risultato è che le vostre ciglia assumeranno tutto un altro aspetto: più robuste, più spesse, ciglia più curve!

Il trattamento è fortemente consigliato con lo scopo curativo in caso di ciglia rovinate e molto sfibrate, ciglia molto corte, ciglia chiare e quasi invisibili, ciglia lunghe ma poco curve che crescono verso il basso ciglia dritte.

La struttura delle ciglia viene rinnovata donando un aspetto sano e curato che insieme alla curvatura e alla tinta creerà un bellissimo effetto mascara.

Alla base della laminazione c’è la permanente alla cheratina, che consente di scegliere anche il livello di curvatura da eseguire in base al tipo di ciglia (se sono molto dritte per esempio verrà incurvata maggiormente).

CONTROINDICAZIONI

Ebbene possiamo subito rassicurarvi, state tranquille! Il trattamento non fa male.

Si sconsiglia di effettuare questo tipo di trattamento estetico:

- Durante la gravidanza
- durante l’allattamento
- quando si hanno patologie dell’occhio malattie delle palpebre o dell’occhio in via di guarigione

L’unico aspetto indesiderato che si potrebbe verificare è la possibile comparsa di una lieve irritazione che scompare nel giro di 24 ore.

QUANTO DURA

La durata della seduta varia dai 60 ai 90 minuti, mentre gli effetti del trattamento hanno una durata di 4-6 settimane.

La laminazione ciglia è un trattamento cumulativo e curativo, quindi maggiore è il numero di volte che viene effettuato maggiore sarà il risultato.

Il trattamento si può eseguire una volta al mese e se lo si effettua con lo scopo curativo i benefici saranno apprezzabili dopo 3/4 sedute.

Consigliamo quindi di ripetere il trattamento, ma i benefici saranno visibili sin dalla prima seduta.

Scarica qui i nostri documenti:
Laminazione_spiegazione
Ultime news
  • Antidepressivi: esponendosi al sole sono più efficaci

    25 Febbraio 2020

    Ormai è cosa nota, il sole porta con sè tantissimi benefici. Aiuta a curare alcune patologie della pelle e delle ossa, attiva la vitamina D nel nostro organismo e svolge, addirittura, un'azione benefica sul nostro umore.

    È proprio così: se pensavate che la sensazione di serenità causata dal sole fosse legata solo alla voglia di estate o alla temperatura più calda, vi sbagliavate. La luce solare, infatti, aumenta la produzione di serotonina, migliorando l'umore e gli stati di depressione.

    Il sole "illumina" il nostro umore

    Secondo uno studio condotto dalla Monash University di Melbourne, è stato scoperto come, il sole e la sua luce, contribuiscano in modo notevole a migliorare l'efficacia dei farmaci antidepressivi. Secondo questa ricerca, infatti, si è visto come molti casi di depressione si verifichino quando la sensitività alla luce diminuisce.

    La reattività alle fonti luminose è vitale per il nostro cervello perché questo le utilizza per regolare le nostre funzioni vitali. La poca luce, ricordando la notte, ci rende sonnolenti e più lenti, tipica condizione delle persone che soffrono di depressione.

    Gli antidepressivi permettono ai pazienti di sentirsi meglio, portando a livelli definiti "normali" la sensitività alla luce che, a sua volta, consente all'orologio interno all'organismo di recepire in modo corretto le varie fasi della giornata.

    La luce del sole, quindi, ha un potente effetto nei trattamenti antidepressivi agendo positivamente sull'umore. Cosa che, invece, non accade quando si parla di luce artificiale, come quella della televisione o degli smartphone, capace di contrastare l'efficacia dei farmaci.

    In caso di depressione è sempre bene rivolgersi al proprio medico e farmacista di fiducia che sapranno indicarvi la cura migliore sia in termini farmacologici che di stile di vita.

  • Diabete, occhio alla dieta. Ecco cosa mangiare e cosa evitare

    22 Febbraio 2020

    Quando si sente parlare di diabete si pensa ad una malattia debilitante con la quale è difficile convivere. Non è cosi. Seguendo un'alimentazione corretta ed equilibrata e i consigli medici è assolutamente gestibile.

    Cos'è il diabete?

    Questa malattia cronica è causata da un aumento della glicemia ovvero i livelli di zucchero nel sangue. Solitamente dipende dalla poca produzione o dalla mal gestione di insulina, che ha il compito di trasformare il cibo ingerito in energia. Quando i livelli di glucosio nel corpo non vengono tenuti a bada, le conseguenze del diabete possono diventare croniche, danneggiando cuore, arterie, reni, occhi e il sistema nervoso periferico.

    Prevenzione, amica della salute

    Le buone abitudini quotidiane, l'attività fisica regolare e soprattutto una sana alimentazione, sono gli alleati numero uno contro questa patologia. Ѐ bene sapere che esistono veri e propri cibi per diabetici – come verdure crude e pesce – e tabelle che ne indicano i livelli glicemici.

    In una dieta corretta per prevenire i sintomi del diabete, è importante in linea generale:

    • ridurre l'assunzione di carboidrati;
    • prediligere ortaggi crudi e legumi;
    • non mangiare cibi ricchi di zuccheri;
    • preferire fibre e alimenti antiossidanti.

    Da evitare assolutamente è l'assunzione di alcool, che svolge un'azione negativa sul controllo dei livelli di insulina. In più, è meglio optare pasti più frequenti e a dosi ridotte piuttosto che pranzi o cene molto ricche.

    Per essere certi dell'indice glicemico contenuto negli alimenti e della dieta più corretta da seguire, potete rivolgervi al personale specializzato in farmacia che saprà indicarvi i giusti passi da fare.

  • Pidocchi nei bambini: come riconoscerli e come eliminarli

    20 Febbraio 2020

    Scuole e asili sono ricominciati e, molto spesso, oltre a compiti e disegni, i vostri figli possono portarvi a casa degli spiacevoli ospiti: parliamo dei pidocchi.

    Questi parassiti, per poter sopravvivere, sono obbligati ad insediarsi sull'uomo, in particolare sul suo cuoio capelluto.

    Gli ambienti molto affollati, come gli asili e le scuole, ne agevolano la trasmissione e, proprio per questo motivo, il contagio avviene molto velocemente.

    Conoscere il "nemico" per combatterlo

    Individuare questo parassita può essere difficile perché, oltre ad essere piccolissimo, 2-4 mm, ha anche una colorazione tendente al nero. Molto più visibili, invece, sono le loro uova, di colore biancastro. Ma vediamo insieme come riconoscerli:

    • i pidocchi depongono le uova in zone precise della nostra testa, come la radice dei capelli, la nuca, la parte posteriore delle orecchie e l'attaccatura della frangia;
    • per via delle loro punture causano prurito e, se numerose, possono provocare lesioni al cuoio capelluto fino anche a reazioni allergiche;
    • a differenza della forfora, i pidocchi rimangono ben saldi al fusto del capello.

    Prevenirli è possibile esaminando la testa dei vostri bambini almeno una volta ogni due settimane. Controllate bene le zone più soggette, dividendo in ciocche i capelli e pettinandoli accuratamente. Munitevi di lente di ingrandimento e posizionatevi sotto la luce naturale: in questo modo sarà più semplice verificare la presenza di questi parassiti. In caso di contagio, avvisate subito la scuola.

    In farmacia potete trovare prodotti specifici per il trattamento contro i pidocchi. È importante seguire sempre in modo attento e preciso le modalità d’uso indicate sulla confezione, chiedendo consiglio al vostro farmacista di fiducia.

Rubriche
  • PRATICARE SPORT AIUTA IL CERVELLO

    26 Febbraio 2020

    Praticare sport, si sa, fa bene alla salute fisica, ma anche a quella mentale. Infatti, svolgere un'attività con impegno costante e regolarmente durante l'arco della settimana, aiuta, migliorando l'afflusso di sangue al cervello. Studi effettuati di recente, da esperti ricercatori, hanno portato alla luce, che il non praticare un minimo allenamento fisico, influisce negativamente sul cervello, rendendolo meno "sveglio". Il cervello è l'organo principale del sistema nervoso e per rimanere in salute ha bisogno di stimoli continui. Gli esperti, infatti consigliano di allenarsi costantemente senza esagerare e mai e poi mai, bisognerebbe concedersi più di una settimana di pausa, perché anche solo un breve stop di pochi giorni dello svolgimento di una qualsiasi attività fisica, inciderebbe sulle funzioni di questo organo, rendendolo più pigro e meno brillante.

    Dovete sapere, che praticare sport con regolarità e in modo corretto, previene dalla comparsa di diverse malattie come l'Alzheimer, rallenta l'invecchiamento, questo, perché influisce rendendo il cervello attivo. Fare sport, in più, migliora anche l'umore, combatte lo stress e a livello fisico svolge enormi benefici sui muscoli e sulle articolazioni.

    Il consiglio, che ci resta da darvi è di scegliere il vostro sport, oppure potete semplicemente svolgere un pò di sana e pura attività fisica, per mantenere in salute il vostro organismo, ma anche il vostro cervello. Scegliete, soprattutto un tipo di allenamento che vi piace, che vi appassiona e che logicamente praticherete con entusiasmo e il giusto desiderio. Non dimenticate, anche la scelta dell'abbigliamento, perché è fondamentale e deve essere comodo , questo vi permette di eseguire l'allenamento ottenendo ottimi risultati in minor tempo. In più, durante gli sforzi fisici, idratate il vostro organismo con acqua naturale prima, dopo e durante lo sport.

    Il cervello, va d'accordo con lo sport, a voi non resta che metterlo in pratica e farli, allenare insieme.

    Buon esercizio fisico.

  • IL MIELE E I SUOI BENEFICI PER LA SALUTE

    19 Febbraio 2020

    Il miele, lo conoscete? La risposta sarà sicuramente un bel si in coro. E lo utilizzate? Se la risposta è poco o per nulla in questo articolo vi consiglieremo di iniziarlo a consumare, in quanto offre moltissime proprietà benefiche, che aiutano il vostro organismo a mantenersi in perfetto stato di salute. Il consiglio è di consumare almeno 2 cucchiai o 3 cucchiaini durante l'arco della giornata, adesso andiamo a rispondere ai tanti perché,elencando le sue innumerevoli qualità che si prendono cura della nostra salute.

    PROPRIETA' ANTINFIAMMATORIE, il miele grazie a questa sua proprietà è in grado di contrastare le infezioni, che vengono provocate all'interno del nostro organismo, infatti se sono presenti delle piccole infiammazioni è in grado di medicarle disinfettandole in modo naturale, andando ad eliminarle.

    PROPRIETA' ANTIOSSIDANTI, grazie a questa proprietà il miele è in grado di contrastare l'invecchiamento cutaneo e questo vale a dire che influisce rallentando la comparsa delle odiose rughe facendoci rimanere più giovani nei confronti del trascorrere del tempo,inoltre aiuta a prevenire tantissime malattie e garantisce un perfetto funzionamento naturale permettendo al cuore al cuore di lavorare in modo corretto.

    PROPRIETA' ANTIBIOTICHE, queste sue qualità ormai sono conosciute da secoli e sono più reperibili, in una particolare varietà di miele il Manuka, in quanto contiene un elevata quantità di perossido di idrogeno, in grado di svolgere l'azione di un classico antibiotico. Il suo utilizzo lo si ritiene idoneo in caso di febbre, di raffreddore, di mal di gola, dei problemi relativi allo stomaco come la cattiva digestione e il reflusso gastrico.

    Adesso che conoscete le sue qualità naturali e curative,che ne pensate di prendere seriamente in considerazione il consumo del miele in modo abitudinario e regolare? Come sempre la scelta spetta sempre a voi, potete decidere di volervi bene,con semplicità approfittando di ciò che madre natura ci dona, oppure rinunciare.

  • Un trucchetto per tagliare le unghie al mio bambino

    12 Febbraio 2020

    Ogni volta che devo tagliare le unghie ad Andrea mi faccio prendere dall'ansia...

    Tutte noi sappiamo che le unghie del neonato sono super morbide e super flessibili, quindi la mia preoccupazione di fare danni è più che ragionevole, non pensate?

    Tuttavia, come ogni bebè anche il mio tigrotto ha unghie taglienti e i suoi graffi non sono di certo carezze, tutt’altro! Dunque, inutile girarci intorno: le devo tagliare e basta, senza fare molti giri, anche perché il mio bambino ha superato da un pezzo il primo mese di vita e non ho più nemmeno questa scusa per poter tergiversare...

    Oggi, però, la signora Rina, l'amica di mia zia Dina, mentre parlavamo davanti a un buon caffè caldo mi ha svelato un piccolo trucchetto per tagliare al meglio le unghie del mio piccolino. Questo trucco è talmente semplice che ci avrei potuto tranquillamente pensare da sola: sarebbe bastato fermarmi un attimino a pensare... Già pensare... un verbo che si allontana da me ogni volta che la mia “amica” ansia fa la sua comparsa.

    Per tagliare le unghie ad Andreuccio a parte munirmi di forbicine neonato, quelle con la punta arrotondata per intenderci, ho due opzioni: eseguire l'operazione subito dopo il bagnetto, così che il piccolo risulti tutto bello rilassato, o immergere la sua manina qualche secondo in acqua tiepida. Entrambi i metodi hanno lo scopo di ammorbidire le unghie e di rendere l'operazione più facile per noi mamme.

    La signora Rina deve avermi vista un po' imbranata, perché ci ha tenuto a ricordarmi che le unghiette dei piedini si tagliano dritte, mentre quelle delle manine devono essere arrotondate. Che ridere! Mi ha pure raccomandato di non confondermi! Va beh che sono ansiosa, ma non sono ancora così tanto pasticciona e decrepita; stavo per sottolinearglielo, ma poi ho cambiato idea. Del resto, chi se ne frega di ciò che pensa la signora Rina?!

    Ad ogni modo ora ho a portata di mano il suo trucchetto per tagliare le unghie al neonato; in sintesi io ci ho guadagnato e con me ci avete guadagnato anche voi!








Altri reparti
Autonalisi del sangue

Autonalisi del sangue

Noleggio Holter pressorio - Holter cardiaco - Prova saturazione

Noleggio Holter pressorio - Holter cardiaco - Prova saturazione

Affitto bilancia neonati - tiralatte

Affitto bilancia neonati - tiralatte

Test pelle e capello - Consulenza viso e corpo

Test pelle e capello - Consulenza viso e corpo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.